Marmore - la Cascata e il suo uso produttivo

 
 

Dopo la concentrazione delle attività della Società Italiana per il Carburo di Calcio Acetilene e altri Gas e della Società degli Altiforni Fonderie e Acciarie di Terni, nei primi anni venti, convivevano derivate dal Velino e con scarico nel Nera: una centrale ex-Saffat (Marmore); due d'enti locali Spoleto (1906), Terni (1908); due ex-Siccag (Collestatte, 1899 e Papigno-Velino, 1900). La produzione complessiva annua era di 290 milioni di Kwh. Ogni impianto fruiva di proprie opere di presa, adduzione e scarico. La Società Terni si pose il problema di razionalizzare il tutto per ottimizzarne le potenzialità, e in seguito a complesse vicende nel 1927, ottenne la concessione per lo sfruttamento esclusivo del sistema idrico Nera-Velino. Ciò portò alla costruzione della Centrale di Galleto destinata insieme a quella di Papigno, all'utilizzazione integrale del salto di Marmore.

 

 
 
 

Istituzione

Aree tematiche

Bandi ed Avvisi

Albo Pretorio

Ufficio Stampa

Azione ProvincEgiovani

Progetti FEI

Elenco beneficiari FSE

Servizi per l'impiego Regione Umbria

[C] Il territorio

[D] Servizi al cittadino

Eventi culturali

Diretta streaming

[E] Speciale elezioni (Regionali Umbria 2010)

Archivio Storico

Fototeca

Aree Riservate

Trasparenza, valutazione e merito

UPI Umbria

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Centrale di Committenza

Privacy

Note legali

Elezioni Consiglio provinciale 2019

Benvenuto

Newsletter